slide

Home slide Page 9

Il rigore infinito, le nuove idee “europeiste” della Merkel

0

Dopo essersi autoassolta dalle critiche di Bruxelles e di Washington per il surplus commerciale tedesco che frena la ripresa dell’economia europea, la Germania procede senza esitazioni verso la creazione di una nuova camicia di forza che rischia di ingessare l’Eurozona in una nuova gabbia di regole e sanzioni. Stiamo parlando dei “contractual arrangements”, la proposta che la Cancelliera ha fatto inserire nel documento finale dell’ultimo Consiglio europeo, e che dovrebbe essere discussa nel prossimo vertice di Bruxelles del 19 e 20 dicembre.

Pressing degli eurodeputati per lasciare Strasburgo

0

L’assemblea di Strasburgo ha approvato a larga maggioranza una risoluzione “non legislativa” con la quale si chiede che siano gli stessi eurodeputati a decidere sulla cosiddetta “sede unica” del parlamento europeo, oggi diviso fra Bruxelles e la città alsaziana. Obiettivo della risoluzione che in quanto “non legislativa” non avrà effetti operativi, è quello di far svolgere tutti i lavori dell’Europarlamento in un’unica sede, preferibilmente quella di Bruxelles, cancellando quindi quello che viene considerato il “doppione” alsaziano.

Un mestiere che cambia. La fuga dei giornalisti da Strasburgo

0

Quello del giornalista è un mestiere che cambia. In peggio. E’ in atto infatti una corsa verso il basso di questa professione. Una corsa iniziata molti anni fa, e che procede di pari passo con l’a diffusione delle nuove tecnologie. E’ un’involuzione silenziosa e paradossale: più si estende l’uso e la fruizione di tecnologie di comunicazione sempre più raffinate e ramificate, più l’informazione tende ad uniformarsi, ad omologarsi, ad apparire noiosamente ripetiitiva.

La grande speranza di Malala: “un libro e una penna per tutti”

Malala Yousafzai, la sedicenne pakistana diventata simbolo vivente della lotta contro i talebani, ha ricevuto a Strasburgo il premio Sakharov 2013, un riconoscimento che ogni anno il Parlamento europeo assegna a persone che hanno dedicato la loro vita alla difesa della libertà di pensiero. E forse mai come in questa occasione il premio è stato meritato.

Ecco la nuova geografia politica del centrodestra italiano in Europa

0

Alla fine anche in Europa il Pdl si spacca. Una divisone speculare a quella che si è consumata a Roma. Anche nei toni, relativamente soft. Non ci sono stati scontri roboanti fra le due componenti, Forza Italia e Nuovo centrodestra, ma non sono mancate le polemiche. «Un dibattito passionale», lo ha definito con prudente diplomazia Raffaele Baldassarre, vicecapo della delegazione italiana nel PPE, rimasto in Forza Italia.

Berlusconi cerca in Europa la sponda del PPE, e forse la trova

0

Berlusconi e Joseph Daul, neo-presidente del Partito popolare europeo, non si sono mai amati. Troppo diversi per formazione, cultura politica, temperamento. Insomma, due “carissimi nemici” che forse però saranno costretti a restare ancora, loro malgrado, sotto lo stesso tetto del PPE. Tanto che, nei giorni scorsi, il fondatore di Forza Italia avrebbe tentato di riagganciare i rapporti interrotti da tempo.

Il caos dei partiti italiani si proietta sull’Europa

0

Un rompicapo irrisolvibile. Così deve sembrare l’Italia vista da Bruxelles, dove partiti e gruppi politici si preparano alle elezioni europee del maggio 2014. Elezioni importanti, perché si decideranno non solo i rapporti di forza all’interno del parlamento, ma anche, indirettamente, il profilo politico del successore di Barroso alla guida della Commissione. I due principali partiti, i conservatori del PPE ed i riformisti della S&D, stanno affilando le armi a livello continentale, ma devono fare i conti con i nervosismi e le lacerazioni delle due principali forze politiche italiane: Pdl e Pd.

A 75 anni dalla “Notte dei cristalli”, l’Europa si scopre ancora antisemita

0

Sono pasati 3/4 di secolo da quella tragica “notte dei cristalli”, l’inizio della persecuzione nazista contro gli ebrei, e uno studio appena pubblicato dalla Agenzia dell’Unione Europea per i Diritti Fondamentali (FRA), ci dice che il fenomeno dell’antisemitismo è in crescita in molti paesi del vecchio continente.

Vespa, Berlusconi e la Shoah, uno sgradevole polverone mediatico

0

C’è sempre un «ultimo libro» di Bruno Vespa, e c’è sempre un’ultima polemica provocata dalle anticipazioni dei suoi contenuti. Particolarmente sgradevole però quella sollevata dalle affermazioni di Berlusconi sugli ebrei: «I miei figli dicono di sentirsi come le famiglie ebree in Germania durante il regime di Hitler. Abbiamo davvero tutti addosso». Inevitabili le polemiche, che certo le precisazioni serali dell’ex premier non sono riuscite a spegnere.

Qualche idea per “democratizzare” l’Europa

0

Con l’avvicinarsi delle elezioni europee di fine maggio cresce in Europa la preoccupazione per un possibile successo delle forze populiste ed antieuropeiste, e nel contempo si anima il dibattito su chi dovrà guidare le istituzioni europee, Parlamento e Commissione, che verranno rinnovate in primavera. E si cominciano a profilare strategie e candidature.